In Kenya per 3 anni

kenya articolo

Il nuovo anno si apre così, con un viaggio di lavoro in Kenya per avviare il nuovo progetto finanziato dalla Fondazione Vismara. Il progetto intende sviluppare un programma a sostegno dello sviluppo economico e sociale delle donne vulnerabili, attraverso corsi di formazione professionale in ambito agricolo e l’avviamento di attività generatrici di reddito, al fine di promuovere un modello di sviluppo inclusivo, equo e sostenibile. Durerà 3 anni e avrà come beneficiari 150 donne e 450 bambini di Kisumu, cittadina che sorge sulle rive del lago Vittoria.

 

Andiamo a rafforzare la strategia d’intervento nella zona già avviata da Apurimac onlus e che ha prodotto grandi benefici per la comunità locale.

Il Kenya si trova al sesto posto tra i paesi più poveri, secondo l’Indice di Povertà Estrema. Per la cultura locale Luo le donne sono escluse da posizioni di leadership poiché considerate naturalmente prive di qualità direttive e decisionali. Sono limitate per cultura e per situazione economica locale nell’accesso al lavoro. La vedovanza aggrava la situazione della popolazione femminile: le donne vedove che rifiutano di sposare un altro membro della famiglia dello sposo defunto (di norma un fratello), vengono emarginate dalla comunità. Noi lavoriamo con loro, donne di fasce vulnerabili, soprattutto vedove, per offrire un’opportunità che possa favorire una vita dignitosa per loro e per i loro figli.

 

Non diamo il pesce, insegniamo loro a pescare.

 

Insegneremo alle donne a lavorare la terra nelle serre comunitarie che sono state costruite da Apurimac nel 2016. Le donne impareranno a produrre frutti e ortaggi e, riunite in Cooperative, agevoleremo l’inserimento dei loro prodotti nel mercato locale. Così avranno la possibilità di impegnarsi, lavorare, guadagnare e prendersi cura dei propri figli.

 

Parallelamente distribuiremo pacchetti nutrizionali per 450 bambini. Pacchetti composti da mais, riso olio, cereali, zucchero e fagioli, per integrare la dieta dei bambini e favorirne un sano sviluppo. Diamo un’opportunità, nulla più. Eppure per fare questo in Kenya serve un progetto di cooperazione. Servono Associazioni, ONG, Fondazioni, persone che da un Paese lontano pensano anche a loro. Persone che pensano che tutti meritano un’opportunità, ovunque siano, ovunque siano nati.

 

Ilaria Orlandi

Responsabile Area Programmi

Pubblicato in DAI PROGETTI, NEWS