Italia
Generiamo una nuova Italia: i Giovani impegnati per una piena accoglienza ed integrazione degli immigrati                                                         
Tipologia
Promuovere società giuste, inclusive e pacifiche
Località
Roma
Importo totale
euro

info heading

info content

Obiettivo
Il progetto mira a promuovere una società aperta, giusta, inclusiva e pacifica attraverso una migliore accoglienza e integrazione dei migranti e in particolare delle seconde generazioni.
 
Descrizione Progetto

 

Apurimac Onlus è partner del progetto “Generiamo una nuova Italia: i Giovani impegnati per una piena accoglienza ed integrazione degli immigrati”  promosso da FOCSIV in partenariato con altre associazioni: ACCRI- Associazione di Cooperazione Cristiana Internazionale; Amici Dei Popoli Bologna;  Amici Dei Popoli Padova; Associazione Francesco Realmonte Centro Mondialità Sviluppo Reciproco; I.B.O. Italia – Associazione Italiana Soci Costruttori; Movimento Shalom Onlus; Opere sociali marelliane; Piccoli progetti possibili – Associazioni 3P.

 

I processi migratori degli ultimi vent’anni hanno portato nella scuola italiana, luogo di formazione e di incontro con il mondo culturale del paese di accoglienza, più di 190 cittadinanze e in alcune scuole se ne possono contare contemporaneamente anche più di 50/60. Nel 2016/2017 la percentuale di alunni non italiana è stata del 9,2%, circa un decimo della popolazione scolastica complessiva. Degli studenti stranieri più del 50% sono seconde generazioni. La quota di alunni stranieri ripetenti almeno un anno scolastico è del 27,3% a fronte del 14,3% degli italiani, quasi il doppio. L’insuccesso nella dimensione scolastica ha conseguenze che si ripercuotono sulle scelte professionali future aggravando la condizione di emarginazione sociale e lavorativa che andrebbe valorizzata nei suoi talenti, diversità e potenzialità di cambiamento. Il progetto intende contrastare l’esclusione sociale e le condizioni di fragilità della persona attraverso lo sviluppo della cultura del volontariato e la promozione di temi sociali in particolare tra i giovani all’interno delle scuole. Intende inoltre rafforzare le reti associative del Terzo settore per sviluppare un dialogo multistakeholder ed una strategia nazionale sull’accoglienza e l’integrazione da promuovere tra gli Enti Locali, associazioni di migranti, il mondo della scuola e le Istituzioni Nazionali ed europee.

 

Di seguito gli obiettivi del progetto:

 

  • Accrescere le competenze sociali delle seconde generazioni e dei giovani italiani per facilitare la relazione con la società, il mondo della scuola e del lavoro e le istituzioni locali, al fine di contrastare fenomeni di fragilità, marginalità, esclusione sociale, intolleranza e discriminazione, sostenendo la loro stabile e duratura integrazione nella società, e favorire una corretta conoscenza e narrativa positiva dei temi legati alle migrazioni.

 

  • Sviluppare e rafforzare le reti associative del Terzo settore e le reti associative di immigrati attraverso le relazioni con altri enti territoriali, istituzionali e non, che operano sui temi dell’accoglienza, dell’integrazione, del volontariato e della solidarietà internazionale.

 

Di seguito le attività che Apurimac realizzerà all’interno del progetto 

Sarà realizzato un corso di formazione per i docenti delle scuole coinvolte in cui saranno affrontati i temi riguardanti la cooperazione internazionale, il volontariato, la promozione di una società giusta, inclusiva e multiculturale, l’integrazione delle seconde generazioni. Durante il programma scolastico saranno realizzati dei laboratori partecipativi di sensibilizzazione dedicati agli studenti. Saranno realizzati degli output per testimoniare l’esperienza vissuta (video, canzone, poesia di gruppo ecc..). Sarà elaborata una mappatura delle associazioni italiane e di migranti operanti nel settore dell’accoglienza, dell’integrazione e della solidarietà internazionale per creare un codice Etico da condividere su tutto il territorio nazionale.

 

 

Data inizio
1/6/2018
Data fine
30/11/2019


Finanziatori
Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Pubblicato in